Home » Archive by category "Approfondimenti" (Page 2)

Cause di fallimenti ricorrenti nell’impianto

Come è noto, il trattamento dell’infertilità di coppia è notevolmente aumentato negli ultimi anni. Con le tecniche di fecondazione assistita sono stati raggiunti ottimi indici di fertilizzazione in vitro ma purtroppo, dei transfer effettuati, solo una percentuale che va dal 30 al 40% dà origine a una gravidanza. Non è facile poter dare una definizione di fallimenti ricorrenti dell’impianto; potremmo parlare di fallimento quando, dopo 3-5 cicli di fecondazione in vitro, si sono trasferiti in utero embrioni di ottima qualità non ottenendo gravidanza. Mentre in alcuni casi, la causa è anche individuabile, nella maggior parte dei cicli è assente una

Fatori di rischio da Sindrome di iperstimolazione ovarica

La Sindrome di Iperstimolazione Ovarica (OHSS, Ovarian Hyperstimulation Syndrome) è una complicazione iatrogena (a seguito di una terapia medica) indotta dalla somministrazione esogena (dall’esterno) di sostanze che sono utilizzate per la crescita follicolare multipla e l’ovulazione. Analizzando l’anamnesi (raccolta a scopo diagnostico di tutte le notizie fisiologiche e patologiche di un paziente) e le caratteristiche fisiche delle pazienti si possono identificare alcuni fattori predisponenti, che aumentano il rischio di sviluppare la OHSS. I più importanti sono di seguito elencati. Età della donna È stato riportato in numerosi studi che le donne che soffrono di OHSS erano significativamente più giovani, con

La salute dei bambini nati da trattamenti di PMA

Le tecniche di procreazione medicalmente assistita (PMA) sono impiegate da oltre 30 anni. Si stima che i bambini generati da trattamenti di PMA siano circa 4 milioni in tutto il mondo. È stato ipotizzato in numerose occasioni che le condizioni in vitro (in provetta) a cui sono esposti gameti ed embrioni possano avere influenze negative sulla salute del concepito. In realtà, lo stato di salute perinatale dei bambini nati da trattamenti di PMA non differisce significativamente da quello riscontrato nei concepimenti spontanei. Appare viceversa possibile che una condizione di infertilità di una coppia possa avere implicazioni per la salute del

La preservazione della fertilità dell’uomo in età fertile: le cose da sapere.

L’infertilità è un disturbo in cui l’organismo possiede una diminuita o assente capacità di riprodursi; più precisamente si utilizza questo termine quando non si è in grado di raggiungere il concepimento dopo 12 mesi di regolari rapporti sessuali non protetti. Si tratta purtroppo di un problema di salute importante e assai frequente, interessando il 10-15% delle coppie nel mondo [1]. In un’ampia percentuale dei casi, la fecondità della coppia è influenzata da una combinazione di fattori che riguardano entrambi i partner, ma in circa il 30% delle coppie l’unica causa di infertilità è legata a un fattore maschile [2,3]. Si

Infertilità maschile, in arrivo un nuovo test per la diagnosi

Lo ha messo a punto un gruppo di scienziati canadesi Un nuovo test diagnostico apre nuove prospettive per gli uomini che soffrono di problemi di fertilità. I ricercatori del Mount Sinai Hospital di Toronto, in Canada, hanno infatti pubblicato sulle pagine di Science Translational Medicine i risultati di esperimenti che dimostrano che questa nuova analisi, basata sull’identificazione di due biomarcatori all’interno del liquido seminale, permette di distinguere fra i pazienti che hanno un eiaculato privo di spermatozoi quelli i cui testicoli ne producono ancora e quelli che, invece, non producono affatto spermatozoi. La possibilità offerta da questo tipo di test

Infertilità: il ruolo della tiroide

  Oltre a giocare un ruolo significativo per il buon andamento della gravidanza, le patologie a carico della tiroide possono essere addirittura di ostacolo al concepimento, condizionando la fertilità della donna. E’ dimostrato, infatti, che il 10% delle donne con problemi di fertilità, presentano anche disfunzioni della ghiandola tiroidea: risulta particolarmente evidente il ruolo dell’ipotiroidismo nel determinare la difficoltà di avere una gravidanza. Meno evidenti, invece, sono i legami tra disfunzioni della tiroide e fertilità maschile.   Il ruolo della tiroide nel determinare l’infertilità, dipende dal fatto che questa ghiandola è fondamentale nel determinare il buon funzionamento uk-custom-essays.com dell’asse ipotalamico-ipofisario-gonadico.

Inositolo: un alleato possibile per la fertilita’

Tra le cause più diffuse di infertilità c’è la policistosi ovarica o sindrome dell’ovaio policistico (PCOS), una patologia che colpisce una percentuale di donne in età fertile che va dal 5 al 10%, provocando una condizione di anovulazione cronica. L’assunzione di myo-inositolo può contribuire a migliorare la funzionalità ovarica. Non in tutte le pazienti la sindrome dell’ovaio policistico si presenta con gli stessi sintomi, ma si riscontrano certamente dei segnali comuni, tra cui innanzitutto la presenza di forti alterazioni del ciclo mestruale – si va dall’amenorrea a cicli diradati nel corso dell’anno a un’ovulazione ritardata o assente –, di forme

Perché incinta naturalmente dopo la PMA?

  Uno studio condotto in Australia su un campione significativo di donne, rivela che una parte consistente delle coppie che ricorrono alla fecondazione assistita, potrebbero procreare con modalità naturale se sottoposte a diagnosi più approfondite e con le relative cure conseguenti. I ricercatori hanno infatti dimostrato che il 33% delle madri che hanno partorito una prima volta ricorrendo alla PMA – la procreazione medicalmente assistita – concepiscono un secondo figlio in modo naturale nell’arco temporale di soli due anni dal primo parto. Queste gravidanze inaspettate, fanno riflettere sulla possibilità di una donna di riuscire a concepire, seppur in presenza di problemi, senza far ricorso

Fertilità maschile, un aiuto dal Ginseng

  Considerato il “Re di tutte le erbe”, e utilizzato da sempre nella medicina tradizionale Cinese, il Ginseng ha numerose proprietà in grado di migliorare la salute agendo sull’apparato gastroenterico, cardiovascolare, neurologico e riproduttivo. Il prodotto utilizzato deriva dalle radici o dalle bacche; si usa il termine generico Ginseng per indicare una gran quantità di piante appartenenti alla famiglia delle Arialiacee. Le qualità del Ginseng sono imputabili, in primo luogo, al suo principio attivo (il ginsenoide), ma anche alla presenza di numerose vitamine, panaxani (zuccheri), sostanze ormone-simili e olii essenziali. Studi condotti su differenti specie animali e ricerche effettuate sull’uomo

Lo stress è nemico del concepimento

La ricerca medica ha dimostrato scientificamente l‘effetto negativo dello stress sulle capacità di concepimento femminili. La condizione di stress è una fase di attivazione prolungata dell’ asse endocrino formato dal sistema ipotalamo ipofisi surrene. Questo sistema in natura ci permette di reagire in modo rapido ed efficiente a condizioni di improvvisa difficoltà o pericolo. Il rilascio acuto di adrenalina e cortisolo da parte delle ghiandole surrenali migliora infatti le prestazioni dell’organismo favorendolo nelle reazioni di lotta o di fuga. La persistenza nel tempo di uno stimolo stressante dal quale non sia possibile fuggire o ribellarsi instaura però una attivazione prolungata

Pagine:«1234»